Luna Farm chiama Luna Park a Coney Island

Oltre al nuovo parco divertimenti a tema contadino a FICO Eataly World, il gruppo Zamperla ha realizzato attrazioni per player del calibro di Disney, Universal, Six Flags, Merlin e Warner Bros, e gestisce due luna park nella città di New York: Victorian Gardens a Central Park e Luna Park a Coney Island. Per promuovere non solo simbolicamente questo forte legame internazionale, dall’apertura di Luna Farm e fino alla fine del 2020, ogni ticket acquistato per le giostre dei due parchi oltreoceano, sarà valido per un ingresso nel parco di Bologna, e viceversa.

Una menzione particolare per la storia di Coney Island, che è stata una grande sfida per il gruppo. Era il 2010 e in soli 100 giorni le maestranze hanno riacceso le luci del Luna Park a Coney Island. Un progetto ambizioso di rinascita, voluto dall’allora sindaco di New York Michael Bloomberg. La scommessa era che i newyorchesi sarebbero tornati a divertirsi tra le giostre nonostante la crisi. E il tempo ha dato ragione a chi ci ha creduto. Ogni anno sono più di un milione i cittadini e turisti che si godono le emozioni del Thunderbolt, del Cyclone o dell’Atlantic Aviator, un luccicante simulatore per aspiranti piloti da caccia con 4g di accelerazione verticale. E lo stesso ci si augura che facciano le famiglie a Luna Farm perché, come dichiara il presidente del gruppo Alberto Zamperla: “Le persone hanno ancora bisogno di sognare, sia pure per un giorno soltanto”.

Guarda il video